Enfilade

Collecting and the Art Market in Venice and Rome

Posted in books, lectures (to attend) by Editor on May 15, 2011

This round table has been organized by Nathalie Volle et Chantal Georgel. From the INHA:

Collectionnisme et marché de l’art à Venise et à Rome au XVIIIème siècle
Institut national d’histoire de l’art, Paris, 17 May 2011

Table ronde autour des livres de Paolo Coen (Il mercato dei quadri a Roma nel Diciottesimo secolo, la domanda, la offerta e la circolazione delle opere in un grande centro artistico europeo), et de Stefania Mason (Il collezionismo d’arte a Venezia. Il Settecento). Participants: Paolo Coen, Stefania Mason, Daniela Gallo, Nathalie Volle.

◊  ◊  ◊  ◊  ◊

Linda Borean, Stefania Mason, eds. Il collezionismo d’arte a Venezia. Il Settecento (Venice: Marsilio, 2009), 432 pages, ISBN: 9788831799263, €35.

Questa pubblicazione, la terza di una collana specificatamente dedicata al collezionismo artistico a Venezia in età moderna, prende in esame il Settecento, il secolo definito della “gloria” di Venezia, particolarmente ricco e articolato per l’evoluzione del gusto e degli orientamenti del fenomeno, con elementi di continuità e altri di contrasto con l’epoca che lo precede. Composto da saggi tematici che illuminano tipologie di opere, aspetti e problemi del commercio artistico (anche in connessione con le conseguenze delle soppressioni delle corporazioni religiose), presenze forestiere di artisti, collezionisti e agenti, casi-studio di raccolte particolarmente significative per i loro proprietari (una casata di antica nobiltà e un facoltoso imprenditore della manifattura del tabacco) e la loro formazione, il volume è completato da un corpus di oltre quaranta voci biografiche su raccoglitori, mercanti, agenti, diplomatici e critici che hanno assunto un ruolo determinante nello sviluppo del collezionismo nel Settecento veneziano: accanto a personalità in parte conosciute, ne compaiono numerose altre dal profilo sinora indefinito nonostante la loro rilevanza nel panorama del tempo. Un’appendice di documenti inediti offre un campione rappresentativo delle diverse tipologie di fonti archivistiche disponibili, da quelle “classiche” quali inventari, testamenti e carteggi, ad altre prodotte da precise contingenze storiche, ad esempio i saccheggi compiuti nei palazzi veneziani nel 1797.

◊  ◊  ◊  ◊  ◊

Paolo Coen, Il Mercato Dei Quadri a Roma nel Diciottesimo Secolo: La Domanda, l’Offerta e la Circolazione delle Opere in un Grande Centro Artistico Europeo, 2 vols (Florence: Leo S. Olschki Editore, 2010), 816 pages, ISBN: 9788822258953), €80.

Il binomio arte-denaro, oggi persino ovvio, esisteva anche in passato, sebbene attraverso forme e meccanismi in parte differenti. Tradizionalmente uno dei centri del mercato pittorico fu Roma, meta prediletta di artisti e viaggiatori provenienti da ogni parte del globo. Il libro ricostruisce questo complesso fenomeno individuando un momento chiave nel diciottesimo secolo, quando la città, anche sulla scia del Grand Tour, vede ancor più aumentare il suo peso nei sistemi artistici d’Europa.